Planargia

Il territorio della Planargia si estende nella parte nord occidentale della Sardegna e occupa una superficie di quasi 300 kmq, fra l’altopiano del Marghine a est, il Montiferru a sud e il Logudoro a nord. Comprende i comuni di BosaMontrestaModoloSuniSagamaTinnura, FlussioMagomadas e Tresnuraghes, ed è abitato da poco più di tredicimila persone che hanno il privilegio di vivere in uno straordinario ambiente naturale. La spettacolare bellezza di queste terre è dovuta anzitutto alla sua conformazione orografica e alla sua natura geologica, ovvero al caratteristico andamento planare di una serie di dolci colline vulcaniche e sedimentarie che degradano verso la costa, e da cui parrebbe derivare la denominazione storica della stessa regione. Ma ciò che rende assolutamente unica la Planargia è il fatto che in un ambito geografico così poco esteso siano rappresentati quasi tutti gli ecosistemi caratteristici dell’isola, da quello marino a quello costiero, da quello montano a quello fluviale. La Planargia è nelle diverse gradazioni dell’azzurro del suo mare, che custodisce fondali di rara bellezza e si schiude su incantevoli spiagge; è nelle sue selvagge e suggestive falesie costiere che, sospese tra il cielo e il mare, sfidano l’impetuoso vento di maestrale; è nella varietà delle formazioni vegetali che colorano e profumano i suoi prati montani i suoi valloni più remoti; è nelle numerose specie ornitologiche che vi nidificano e nel maestoso volo dell’Avvoltoio Grifone; è nell’incanto dell’unico fiume navigabile della Sardegna e nelle variopinte specie avifaunistiche che lo frequentano.

 

Uno spazio geografico ancora intatto ed incontaminato, ancor più prezioso per l’inestimabile valore del suo patrimonio archeologico e artistico e l’importanza del suo passato, che potrete ritrovare nelle sue preistoriche e fiabesche domus de janas così come nelle antiche e misteriose costruzioni della civiltà nuragica; nei suoi castelli medievali, nelle sue chiese romaniche e nella singolarità delle pittoresche architetture dei suoi centri urbani; nei suoi elaborati ricami a filet, nei suoi preziosi gioielli in corallo e in filigrana d’oroe nei suoi tipici cestini di asfodelo. Ma la Planargia la potrete scoprire soprattutto nel calore e nel sorriso della sua gente, nel fascino antico delle sue tradizioni e delle sue feste popolari, nella generosa bontà delle sue specialità gastronomiche e, last but not least, nel colore, nel profumo e nel sapore del famoso e rinomato vino D.O.C. Malvasia di Bosa, che nei suoi vigneti viene prodotto, nelle sue cantine affinato e infine… degustato!

Ti va di condividere l'articolo? 🙂