Il Progetto Vinum Est , 2004-2007

Può essere considerato a pieno titolo come la prosecuzione del Progetto Vinest, è stato sostenuto dal Network Vinest e ha perseguito l’obiettivo dello sviluppo integrato e sostenibile delle Piccole Aree Vinicole Europee mediante la creazione di un sistema reticolare e il trasferimento di esperienze e conoscenze tra i partner. Il progetto è stato parzialmente finanziato dall’Unione Europea – Programma Interreg III C East – e ha coinvolto partner dell’Austria, dell’Ungheria, della Slovenia, dell’Italia, della Spagna e della Germania.

I Partner del Progetto Vinum Est
1. Regional Development association for the Pinka valley and Strem valley – REUPS (Southern Burgenland – Burgenland/Austria)
2. Foundation for Regional Enterprise Promotion in Vas County and Szombathely (Szombathely – Nyugat-Dunantul/Hungary)
3. Wine-Route Agency ROD Ajdovšcina (Upper Vipava Valley – Primorska/Slovenia)
4. Community of Mountain municipalities N.8 Marghine-Planargia (Province of Nuoro – Sardinia/Italy)
5. Municipality of Bullas (Murcia/Spain)
6. District of Burgenland (Saxony-Anhalt/Germany)
7. Island Administration of Gran Canaria (Islas Canarias/Spain)

Finalità del Progetto Vinum Est
Tra il 2004 e il 2007, i partner del Network Vinest hanno realizzato un Centro di Competenza e di Promozione e un Ufficio Stampa della rete Vinest in Austria (Moschendorf); hanno aggiornato e hanno reso più dinamico il portale web www.vinest.net; hanno implementato varie azioni ed eventi comuni di promozione a livello internazionale (Amburgo, Londra, Bruxelles). Nel corso dei tre anni di attività del Progetto Vinum Est, tutti i partner hanno inoltre portato avanti azioni locali per sviluppare e promuovere ulteriormente l’offerta territoriale turistica ed enogastronomica di qualità, salvaguardando i loro particolari vini, culture e paesaggi.

Per maggiori informazioni riguardo al Progetto Vinum Est e al Network Vinest, nel portale web del Network www.vinest.net possono essere reperite tutte le notizie aggiornate relative alle aree partner e alle iniziative locali e transnazionali della rete.

Ti va di condividere l'articolo? 🙂