cesanese olevano romano

Disciplinare DOC del Cesanese di Olevano Romano

Il Cesanese di Olevano Romano è un vino che negli ultimi anni si sta affacciando prepotentemente nel panorama dei vini di pregio, grazie alla svolta dei viticultori olevanesi in direzione della qualità.  Riportiamo di seguito il Disciplinare di produzione per il vino DOC Cesanese di Olevano Romano.

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA “CESANESE DI OLEVANO ROMANO” o “OLEVANO ROMANO”

ART. 1
La denominazione di origine controllata “Cesanese di Olevano Romano” o più semplicemente “Olevano Romano” è riservata al vino rosso che risponde alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.

ART. 2
Il vino “Cesanese di Olevano Romano” deve essere ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti dai vitigni Cesanese di Affile e/oCesanese comune. Possono concorrere alla produzione di detto vino, da sole o congiuntamente, le uve provenienti da altri vitigni: Sangiovese, Montepulciano, Barbera, Trebbiano toscano (Passerina), Bombino bianco (Ottonese), presenti nei vigneti fino a un massimo complessivo del 10%.

ART. 3
La zona di produzione del vino “Cesanese di Olevano Romano” comprende tutto il territorio di Olevano Romano e parte di quello di Genazzano. Tale zona è così delimitata: partendo dall’incrocio del confine comunale di Roiate e Olevano Romano con quello tra le province di Roma e Frosinone, località la Morra Rossa, il limite segue quest’ultimo in direzione sud fino al colle S. Quirico e poi verso ovest fino al fiume Sacco, prosegue quindi sempre verso sud lungo il confine provinciale sino al ponte sito in prossimità della Mola di Piscoli. Dal ponte prosegue verso ovest sulla strada che conduce ai Collicchi fino a quota 259 e poi segue quella che prima in direzione sud-ovest e poi sud, costeggia ilfiume Sacco passando per le quote 220 e 229 sino a raggiungere il confine comunaledi Genazzano sullo stesso corso d’acqua, prosegue quindi in direzione ovest il medesimo e, 150 metri prima di incontrare l’affluente che discende dalla Valle Fonte Noce, prende la strada che risale verso nord costeggiando questo corso d’acqua, procede lungo il proseguimento della medesima attraverso le quote 251, 253, 231, costeggia quindi il colle Salomone fino a raggiungere, una volta superato il ponte sul fosso Ciaffo, le case Birbaccia. Dalle case Birbaccia segue la strada che costeggiando il colle Comare, I collicchi, il colle Cocomero passa per le quote 265,272, 267e 297. Da quota 297 segue in direzione nord-ovest la strada per la Sonnina fino a raggiungere la strada statale di Fiuggi in prossimità al km 18,500, percorre quest’ultima in direzione est fino al km 20.250 circa e prima di giungere alla stazione di Olevano Romano piega verso nord sulla strada che costeggiando Colle Gentile e la località Grotta incrocia fosso della Selva che discendesino a incontrare il confine comunale tra Genazzano e Olevano Romano prima verso nord e poi verso est e sudest fino a incontrare quello tra le province di Roma eFrosinone in località la Morra Rossa, chiudendo così la delimitazione.

ART. 4
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino “Cesanese di Olevano Romano” devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve e al vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità. I sesti di impianto, le forme di allevamento e i sistemi di potatura devono essere quelli generalmente usati o comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e dei vini. E’ vietata ogni pratica di forzatura. La resa massima di uva ammessa per la produzione del vino “Cesanese di Olevano Romano” non deve essere superiore a q.li 125 per ettaro di vigneto in coltura specializzata. A detto limite, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la resa dovrà essere riportata attraverso un’accurata cernita delle uve, purchè la produzione non superi del 20% il limite medesimo. La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 65%.

ART. 5
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate nell’intero territorio dei comuni di Arcinazzo Romano, Affile, Roiate, Olevano Romano, Genazzano in provincia di Roma, e di Serrone del frusinate, Piglio, Paliano, Acuto e Anagni in provincia di Frosinone. Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare alvino “Cesanese di Olevano Romano” una gradazione alcolica complessiva minima naturale di gradi 11,50. Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche leali e costanti, tradizionali della zona, atte a conferire al vino le peculiari caratteristiche.

ART. 6
Il vino “Cesanese di Olevano Romano”, all’atto dell’immissione al consumo, deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
– colore: rosso rubino tendente al granato con l’invecchiamento;
– odore: delicato, caratteristico del vitigno di base;
– sapore: morbido, leggermente amarognolo, “Secco” e “asciutto” nei tipi aventi un contenuto massimo in zuccheri residui dell’1%; “amabile” nei tipi con contenuto in zuccheri residui compresi tra l’1,1%, e il 3,5%, “dolce” nei tipi con contenuto in zuccheri residui superiore al 3,5% e una gradazione alcolica minima svolta non inferiore a gradi 10;
– gradazione alcolica minima complessiva: gradi 12;
– acidità totale minima: 5,5 per mille;
– estratto secco netto minimo: 22 per mille.
Le qualificazioni “secco”, “asciutto”, “amabile” e “dolce” sono consentite per il vino “Cesanese di Olevano Romano” che presenta le rispettive caratteristiche sopra citate. È facoltà del ministero dell’Agricoltura e delle Foreste, con proprio decreto, di modificare i limiti minimi sopra indicati per l’acidità totale e l’estratto secco netto.

ART. 7
La denominazione di origine controllata “Cesanese di Olevano Romano” può essere utilizzata per designare i vini spumante naturale e frizzante naturale ottenuti con mosti o vini che rispondono alle condizioni previste dal presente disciplinare, seguendo le vigenti norme legislative, a condizione chele operazioni di elaborazione di detti mosti o vini per la produzione dello spumante siano effettuate in stabilimenti siti nell’ambito territoriale delle province di Roma e Frosinone.

ART. 8
Alla denominazione di cui all’articolo 1 è vietata l’aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste nel presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi. “superiore”, “extra”, “fine”, “scelto”, “selezionato” esimili.
E’ tuttavia consentito l’uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati non aventi significato laudativoe non idonei a trarre in inganno l’acquirente.
E’ consentito altresì l’uso di indicazioni che facciano riferimento a comuni, frazioni, aree, fattorie, zone e località comprese nella zona delimitata nel precedente articolo 3 e dalle quali effettivamente provengono le uve dacui il vino così qualificato è stato ottenuto.

ART. 9
Chiunque produce, vende, pone in vendita o comunque distribuisce per il consumo con la denominazione di origine controllata “Cesanese di Olevano Romano” o “Olevano Romano” vini che non rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare, è punito a norma dell’articolo 28 del Dpr 12 luglio 1963, n. 930.

Ti va di condividere l'articolo? 🙂